La libertà non è una concessione, la libertà ci appartiene, riprendiamocela! No alla sorveglianza speciale!

Lunedì 7 giugno presso il tribunale di Genova, Luca, anarchico, avrà l’udienza per l’assegnazione della sorveglianza speciale (art. 1). Riguardo agli aspetti tecnici di questo provvedimento molto già è stato spiegato su altri scritti; in questa sede mi è sufficiente rimarcare che esso è attinto dal codice penale Rocco del ventennio fascista, mantenuto e soltanto rivisto dalla Repubblica negli anni ’50, e la sua funzione equivale a quella del confino utilizzato per mettere a tacere la dissidenza politica.

Ecco, la politica. E’ largamente diffusa e condivisa la convinzione che la politica sia un mestiere, appannaggio di pochi, su cui tutti gli altri cittadini possono esprimere legittimamente la loro opinione col voto, gli applausi e i mugugni, ma certamente non possono esserne gli artefici. Talvolta è un hobby da coltivare dopo il lavoro e le lezioni in università; quattro slogan possono garantire una posizione affascinante all’interno dello scacchiere sociale. Nel migliore dei casi è considerata una passione per chi proprio non riesce a fare a meno di documentarsi e metterci il becco.
Per fortuna c’è ancora qualcuno che intuisce che gli aspetti delle nostre vite non possono essere separati gli uni dagli altri. Come gli altri, la politica è un aspetto fondamentale che ci riguarda direttamente; la politica determina le condizioni di vita che siamo destinati ad avere, l’ambiente sociale in cui ci troviamo e in cui sviluppiamo i nostri rapporti.
La politica non è cosa altra da noi, ci tocca profondamente, più che mai oggi dove il modello capitalista per sua stessa natura ed efficacia, come ogni altro totalitarismo, si infiltra in ogni aspetto del nostro quotidiano, dei nostri affetti e aspirazioni.

Luca fa parte di quest’ultimi, quelli che hanno capito che se vogliono un’esistenza dignitosa per sé e per chi gli sta attorno, se vogliono mettere un freno a ciò che trovano intollerabile e non concede serenità, devono agire in prima persona e lo devono fare con costanza e perizia.
E’ per questo motivo che Luca sta correndo il rischio di essere soggetto alla sorveglianza speciale. Perché agire direttamente per la propria dignità e autodeterminazione significa combattere il sistema vigente nel suo complesso in quanto esso ci vuole soldatini inermi da sacrificare sull’asse produci/consuma; perché quello che ogni individuo mediamente lucido può ritenere intollerabile altro non sono che i pilastri del sistema: guerre “umanitarie”, campi di concentramento (C.I.E.), razzismo, classismo, militarizzazione, sfruttamento, morti sul lavoro.

Condividere una lotta contro questo sistema significa per prima cosa aver ritrovato la complicità e sperimentato nuovamente la solidarietà umana tra individui, ormai quasi scomparsa.
Privare Luca della possibilità di esprimersi, di ritrovarsi con tutti coloro sempre a fianco a lui nelle strade, nelle piazze durante le contestazioni, nelle assemblee durante le occupazioni, non vuol dire banalmente levargli il suo giocattolino preferito dalle mani. Prima ancora del tentativo di renderlo innocuo, la sorveglianza speciale rappresenta per lui l’impossibilità di essere se stesso.
Si, perché l’articolo 1, la cui applicazione si basa su criteri completamente arbitrari, quali la condotta e la mancanza di ravvedimento, ancora più di qualsiasi altro intervento repressivo che solitamente prevede un’indagine e un procedimento penale, non colpisce una persona per quello che ha fatto (consueto pretesto dello Stato per potere reprimere i più poveri, gli inutili e i ribelli), ma semplicemente per quello che è.
Ora colpisce solo uno tra noi, ma se l’utilizzo di questo strumento verrà avvallato anche qui a Genova diventerà un’importante arma in più per il potere poliziesco nei confronti di chi, volente o nolente, si ritroverà essere per sua stessa natura incompatibile con questa struttura sociale…continua su Indymedia…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: