Siberia, inferno in copia-carbone

Lo stato promette indagini, le compagnie pagano risarcimenti ma nelle miniere russe si continua a morire. L’ultima tragedia siberiana ripropone un copione noto come i nomi dei protagonisti.
E’ scuro in volto, Vladimir Putin, ancora più del solito. Vestito di nero, come segno di partecipazione al loro lutto, stringe le mani dei familiari dei minatori e dei soccorritori rimasti uccisi domenica mattina nella miniera di carbone della Raspadskaya, a Mezhdurechensk, nella Siberia Orientale. Il bilancio iniziale, di 12 morti, è continuato a salire e al momento si contano 66 vittime, 129 feriti e 24 dispersi che soltanto un mircacolo potrà far ritrovare vivi, anche perché – come annunciato dal ministero per le Emergenze – le ricerche verranno interrotte per una settimana a causa dell’alta concentrazione di metano nei tunnel.
Cupo e perentorio, il premier russo ha ordinato “una indagine dettagliatissima sulle cause dell’incidente, le condizioni della minera e la risposta delle autorità competenti”. Bene, ma nei palazzi di Mosca, probabilmente c’erano già tutti gli elementi per prendere decisioni che evitassero anche questa tragedia, sulla cui origine non ci sono ancora notizie certe. Si sa soltanto che, intorno alla mezzanotte di domenica, si è verificata un’esplosione, probabilmente causata da un accumulo di metano. In quel momento, erano al lavoro 359 minatori, 276 dei quali sono riusciti a scappare. Sono scattati i soccorsi ma nemmeno quattro ore dopo si è registrata una seconda esplosione, più potente della prima, che ha fatto crollare alcuni edifici e il pozzo di ventilazione, intrappolando anche alcune delle squadre di soccorso, rimaste prigioniere nei cunicoli che si vanno riempiendo d’acqua.
Nomi che ricorrono. La Russia, purtroppo, ha una notevole esperienza in materia di incidenti nelle miniere ma alcune lezioni, evidentemente, sono difficili da imparare, nonostante ci siano pochi nomi da mandare a memoria…continua su Peace Reporter…
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: