Un nuovo sbarco dei Mille “Per l’Italia una nave dei diritti”

Una spedizione di italiani che vivono all’estero e torneranno a Genova per un giorno il prossimo 25 giugno: “Denunciamo le derive culturali, politiche e sociali del nostro paese”

MILLE italiani sbarcheranno nel porto di Genova. A bordo della “Nave dei Diritti”, così è stato ribattezzato il traghetto di linea che li porterà in Italia alla fine di un viaggio che comincia a Barcellona. Vivono all’estero, non pensano di tornare. Dopo un giorno di navigazione vogliono approdare sulla costa ligure e animare così “Lo Sbarco”, un’iniziativa simbolica per denunciare le derive culturali, politiche e sociali del nostro Paese. Appuntamento il prossimo 25 giugno.

Nell’anniversario della spedizione dei Mille, questi italiani e diversi cittadini europei scelgono imbarcarsi per l’Italia, per ribadire l’importanza della Costituzione, la sua origine laica e pluralista, e denunciare le derive della politica. Un’iniziativa nata dal basso dall’idea di un gruppo di italiani che vive a Barcellona, maturata la scorsa estate e che in pochi mesi si è diffusa attraverso il passaparola coinvolgendo anche gli altri gruppi di italiani che vivono nelle altre capitali europee.

Oggi “Lo Sbarco” ha superato le 1000 adesioni e ottenuto l’appoggio di diversi intellettuali, scrittori, musicisti, associazioni. Raccontano perché hanno aderito attraverso videomessaggi diffusi sul sito dell’iniziativa 1. Così il nobel Dario Fo: “Potrebbe essere la nave dei pazzi, gente che viene dal mare e porta un apporto alla propria terra”. Oppurel nobel José Saramago, che si chiede: “Non tanto tempo fa l’Italia è stata un esempio per l’Europa con Garibaldi, con Verdi. Com’è che è caduta da queste altezze?”. Lo scrittore Erri De Luca, invece, testimonia: “Sto con la nave che vuole riportare l’Italia a se stessa”. E poi ci sono Lella Costa e Moni Ovadia, il jazzista Paolo Fresu e tanti altri. Dalla parte dello “Sbarco” anche diverse associazioni antirazziste, i No-Tav, la Rete Scuole e gli operai Vynils che occupano l’Asinara, ma non ci sono sigle né partiti politici dietro questa iniziativa che si sta autofinanziando organizzando eventi culturali…continua su La Repubblica…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: