Napolitano firma il decreto, raffica di scioperi nei teatri

Il Quirinale: “Recepite dal ministro Bondi le osservazioni del capo dello Stato”. Sindacati sul piede di guerra: saltano concerti e prime a Roma, Milano, Firenze, Venezia, Bologna, Torino, Genova, Napoli. Bondi convoca le parti per il 6 maggio

ROMA – Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha emanato oggi il decreto legge per le “Disposizioni urgenti in materia di spettacolo e di attività culturali”, nel testo definitivo trasmesso ieri dalla presidenza del Consiglio dei ministri, che riflette significativamente osservazioni segnalate al ministro per i Beni e le Attività culturali Sandro Bondi. Il decreto era stato rinviato dal Quirinale 1 due giorni fa, con la richiesta di chiarimenti al dicastero. Il Capo dello Stato, si legge in una nota del Quirinale, “ha inoltre preso atto della conferma da parte dello stesso Ministro dell’intendimento di incontrare nei prossimi giorni le rappresentanze sindacali e di tener conto, nel corso dell’iter di conversione, delle proposte dei gruppi parlamentari e degli apporti collaborativi che potranno pervenire dal mondo della cultura e dello spettacolo”.

Durissima la reazione degli operatori del settore.

ROMA. Sciopero, questa sera, al Teatro dell’Opera. Per decisione unanime dell’assemblea di tutti i lavoratori del teatro, salta il Don Chisciotte, protagonista femminile la danzatrice coreana J. Young-Kim. Il Coordinamento unitario CGIL, CISL, UIL e FIALS preannuncia che i lavoratori del Teatro si riuniranno nei prossimi giorni in assemblea per la determinazione delle prossime azioni di lotta.
All’Accademia Nazionale di Santa Cecilia è blocco totale. I professori d’orchestra, gli artisti del coro, il personale tecnico-amministrativo si sono riuniti in assemblea permanente dalle ore 14.30 di oggi e hanno proclamato il blocco totale delle attività. Annullati, fino a data da destinarsi, prove, concerti e lezioni. Previsti happening musicali nei foyer dell’Auditorium Parco della Musica per informare il pubblico sulle ragioni della protesta….continua su La Repubblica…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: