Chavismo alla frutta

Inferni latinoamericani

Per chi vive fuori dal paese, ma accettando la versione ufficiale senza conoscere la situazione venezuelana, si sconcerta e sorprende di fronte alla crescita del malessere collettivo e delle lotte popolari (2893 manifestazioni di piazza dall’ottobre del 2008 al settembre del 2009; 1763 nello stesso periodo dal 2007 al 2008), presentiamo alcune motivazioni per comprendere effettivamente le cause del conflitto sociale in Venezuela.
La maggior parte delle cifre di seguito presentate possono essere verificate (con ampia indicazione delle fonti originali) nel Report PROVEA 2008/2009, all’indirizzo www.derechos.org.ve. Gli altri dati inclusi sono stati estratti dalla stampa e sono rintracciabili attraverso internet.
I. – Si evidenzia il fallimento dell’attuale politica agro alimentare, segnalando che le importazioni del settore sono salite da 1.626 milioni di dollari nel 1999 a 7.477 nel 2008. Solo nell’ultimo anno per garantire l’approvvigionamento di alimenti a prezzo agevolato, il Governo ha dovuto acquistare dall’estero il 57,9% di tutti i prodotti necessari. Così si è passati da un modello di importazione alimentaria che, negli anni novanta, costava per singola persona 75 dollari all’anno, ai 267 dollari dell’epoca attuale. Il problema però non risiede solamente nell’accresciuta dipendenza dall’estero per le derrate alimentari, ma anche nell’inflazione del settore, giunta nel 2008 al 46,7% e nel 2009 arrivata sopra il 36%. Questa escalation dei prezzi non viene compensata in alcun modo dai limitati aumenti al minimo salariale e nemmeno dalla distribuzione di alimenti a prezzo popolare attuati attraverso il progetto MERCAL, progetto tra l’altro, già adesso in schietta agonia a causa della corruzione e della mancanza di forniture. Come conseguenza diretta di una strategia governativa che si è appoggiata sulla capacità di acquisto dello Stato e non sullo sviluppo della produzione, (senza differenziarsi va riconosciuto, da quella che è diventata ormai la regola storica del rentismo/assistenzialismo frutto delle entrate petrolifere), la recente svalutazione colpirà in maniera dura e diretta il nostro consumo alimentare. In Venezuela si lotta perché non siano i gradini più bassi della società quelli che pagano il costo degli errori, la mancanza di lungimiranza e la corruzione del potere.
II. – Da quando questo Governo è salito al potere, nonostante il fatto di poter contare su introiti nazionali maggiori che in qualsiasi altro periodo della storia nazionale, la situazione di povertà ed esclusione che persiste per ampi settori della società venezuelana ha aggravato la violenza urbana. Se nel 1998 abbiamo avuto una stima nazionale di 4.550 omicidi, il saldo per l’anno 2008 è stato di 14.568 morti. Se il fenomeno viene visto da un’altra prospettiva si può affermare che la popolazione venezuelana è cresciuta in questo decennio del 19,1%, mentre il tasso di omicidi è salito al 320,1%…continua su Umanità Nova…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: