Tentativo di rivolta nel carcere di Fossano

Ieri dalle 17.20 fino alle 22 la polizia penitenziaria in servizio presso la Casa di Reclusione di Fossano (CN), è stata impegnata a sedare un grave tentativo di rivolta. Lo rende noto l’Osapp. La rivolta ha avuto luogo al secondo piano, dove è ubicata la sezione Penale al cui interno sono ristretti una sessantina di detenuti di nazionalità extracomunitaria, per reati che vanno dallo spaccio di stupefacenti al furto. Inizialmente, i reclusi hanno cominciato a sbattere le stoviglie e suppellettili, ma subito dopo, spiega l’Osapp, “la tensione è salita ed i detenuti hanno letteralmente sradicato il cancello di sbarramento della sezione (peso circa 4 quintali)”. Tempestivamente è stato dato l’allarme, e tutto il personale a disposizione e libero dal servizio è stato chiamato ad intervenire. La Polizia Penitenziaria in poco tempo è riuscita a riportare l’ordine. “Oggi – comunica l’Osapp – anche grazie all’ausilio delle unità di Polizia penitenziaria provenienti dagli istituti Piemontesi, è stato effettuato il trasferimento di circa 15 detenuti ritenuti tra i promotori dei disordini che trarrebbero origine dal sovraffollamento e dalla mancanza di lavoro. Sempre nella mattinata, è stata effettuata una perquisizione generale con relativa bonifica dell’intero istituto, con l’ausilio delle unità cinofile della Polizia Penitenziaria”. Benchè ed ancora una volta, la Polizia Penitenziaria di Fossano e del Piemonte abbia dimostrato il più alto senso del dovere – dichiara il segretario generale dell’Osapp Leo Beneduci – le condizioni esistenti in Piemonte e sul territorio nazionale, in quanto a gravissima carenza di organico, di risorse economiche e di mezzi, non consentiranno ancora a lungo alle donne e agli uomini del Corpo di mantenere vigenti legalità e sicurezza nelle carceri. Tra i provvedimenti in corso di adozione e che intenderebbero sfollare le carceri con la messa in prova per pena residue inferiori ad un anno il Governo non può dimenticare la Polizia Penitenziaria, sempre più abbandonata a se stessa nel sostenere fino in fondo il grave impatto degli errori che da tempo e soprattutto negli ultimi due anni si sono verificati nella gestione del sistema penitenziario italiano.”

Modica: Muore un migrante mentre tenta di sfuggire ad un controllo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: