Madrid, in piazza contro la corrida “La tortura non è cultura”

Alcune migliaia di manifestanti hanno sfilato per le strade della capitale spagnola scandendo slogan e alzando striscioni contro la corrida, divenuta in questi giorni oggetto di uno scontro politico-legale tra i sostenitori dello spettacolo e gli animalisti. E’ infatti intenzione del governo della regione di Madrid di chiedere l’inserimento della tauromachia nel patrimonio culturale – e dunque renderlo un evento protetto – come risposta alla minaccia di bando delle corride avanzata in Catalogna, nel nord-est della Spagna.

La manifestazione di oggi, per le sue dimensioni e la qualità della partecipazione, è stata definita “storica” dagli organizzatori, e una delle più importanti mai organizzate a Madrid. La capitale è anche il bastione irriducibile della “Fiesta” taurina. Qui, alle arene di Las Ventas, il 6 maggio comincerà la grande Feria annuale di San Isidro.

Il governo locale della regione di Madrid, di destra, ha annunciato di voler qualificare la tauromachia come “bene di interesse culturale”. “A Madrid oltre il 70% della popolazione respinge questi atti di barbarie e di tortura”, ha detto all’Afp la portavoce del partito anti-corrida (Pacma), Mireya Barbeto. “E’ una vergogna nazionale”. Insieme al Pacma, sono molte le organizzazioni ecologiste e animaliste che hanno contribuito a creare la piattaforma anticorrida “La tortura non è cultura”, promotrice della manifestazione di oggi. Tra gli obiettivi degli slogan, anche il re Juan Carlos, grande amante delle corride.

Il dibattito sulla corrida ha preso nuovo slancio nelle ultime settimane in Spagna dopo che il Parlamento della Catalogna ha organizzato a marzo delle audizioni movimentate su una possibile interdizione delle tauromachie sollecitata dai gruppi animalisti catalani con una proposta di iniziativa popolare. In previsione di un possibile caso legislativo aperto in Catalogna, altre due regioni governate dalla destra, Valencia e Murcia, hanno avviato la procedura per inserire la tauromachia tra i beni culturali in modo da proteggerla da coloro che ne chiedono l’abolizione.

Foto

Fonte: La Repubblica

Annunci

Una Risposta to “Madrid, in piazza contro la corrida “La tortura non è cultura””

  1. Riccardo Says:

    Per favore, firmate la seguente petizione per fermare il dilagare delle Corride in Francia:

    http://petition-anticorrida.com/signataires.php?message=Votre%20signature%20vient%20d'être%20ajoutée%20à%20cette%20page

    Questa petizione ha un forte peso politico, in quanto promossa dai parlamentari di Parigi.
    Diffondete il link, grazie!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: